Peppe Costa: Con GiùBox dico addio alle percussioni (per adesso)

Sono abituata a vederlo da spettatrice in una delle sue tante performance musicali che animano le serate cittadine, questa volta però niente strumenti, niente pubblico e niente musica se non quella che viene dal televisore di un noto bar di Reggio Calabria. Davanti a un caffè, Peppe Costa, conosciuto ai più per essere un artista poliedrico, magnetico e instancabile, mi racconta il progetto che fa da appendice alla sua vita. Si chiama Yosonu e vuole rivoluzionare l’idea stessa di suono convenzionale. A giudicare dall’ascolto di alcuni brani del suo disco appena nato dal titolo “GiùBox”, l’obiettivo mi sembra centrato. “Il tour – dice Peppe Costa – partirà il 15 marzo da Caserta, poi via a portare il mio modo di fare musica in tutta Italia”. Tra le tappe Padova, Perugia, Roma.

Perché è rivoluzionaria questa tua nuova avventura?

“Sul palcoscenico non porterò nessuno strumento musicale tradizionale, i miei compagni di viaggio saranno vasi, teiere, utensili e in generale, tutti quegli oggetti che siamo abituati a concepire in maniera diversa. Il mio messaggio è quello di dare una possibilità e una seconda vita”.

Tutto può diventare suono: basta scoprire le proprietà timbriche di questi innovativi strumenti.

Un progetto ambizioso, fatto di anni di ricerche e di studi sul modo di concepire la musica, sulle sue mille sfaccettature, sulle mescolanze sperimentali. “A mani nude ‘ho suonato’ tutto ciò che ho trovato al Porto reggino, per esempio un camion o un secchio mi hanno regalato armonie uniche”. Ma la sua vena innovativa sta anche nello sconvolgere il significato delle parole cantate. “I miei brani – continua- non lanciano nessun messaggio legato alla politica o ai sentimenti. Le parole sono desemantizzate perché mi interessano i suoni e non i significati”.

Il suo live sarà quindi uno spettacolo senza costruzioni musicali ma dall’alto contenuto propedeutico: perché si può fare arte low cost insegnando il valore della musica d’insieme.

Vi presentiamo “Lesson n. 1”, il primo singolo tratto dall’album “GiùBox”:

Le tappe del Tour: (in costante aggiornamento, seguite la pagina FB Yosonu)
15 marzo – Unplugged Caserta / 17 marzo – Marla Perugia / 18 marzo – Wip Workinprogress Terranova B. (AR) / 19 marzo – Due Righe Book Bar Viterbo / 20 marzo – Bardamù Calderara di reno (BO) / 22 marzo – Dazibao CircoloArci Tortona (TO) / 24 marzo – Fat caos Terni / 26 marzo – 45 giri Giulianova (TE) / 27 marzo – Circolo Culturale “Carichi Sospesi” Padova / 28 marzo – La Soms Corridonia (MC) / 29 marzo – Fanfulla 5/a – Circolo Arci Roma / 12 Aprile – Cluster Club Reggio Calabria.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *